Blog

Educazione civica e stradale

Differenza di mentalità tra un uomo del sud e uno del nord.

1) Una persona del nord sulle strisce pedonali attraversa con sicurezza perché nella sua mente pensa che quello sia un suo giusto diritto (probabilità di essere investito alta)

2) Una persona del nord quando scatta il semaforo verde parte immediatamente perché nella sua mente pensa che quello sia un suo diritto (probabilità di incidente alta)

3) Una persona del nord a bordo dell’auto non suona mai per civiltà così da non darti mai il tempo di capire che stai per essere investito (probabilità di incidente alta)

Ergo: spesso è meglio non seguire le regole

Gianni Palagonia

Gli Intoccabili

Buon giorno. Siccome siamo in tempi di elezioni siciliane ed io voglio farvi conoscere il mondo che ci circonda (anche a livello nazionale), nonché quali sono i sacrifici e le incazzature che devono sopportare i poliziotti x amore verso questa patria, vi allego questo capitolo intero de IL SILENZIO, dal titolo GLI INTOCCABILI (da pag. 303 a pag. 308). A voi ogni considerazione. Aprite gli occhi e

non fatevi abbindolare da auto blu, vestiti eleganti, sorrisi, pacche sulle spalle, inchini, scorte e conferenze stampa. Sappiate che ognuno di quelli a cui state dedicando la vostra campagna elettorale o a cui darete il voto, può essere uno di questi furfanti di cui racconto con "dettagliata" fantasia narrativa :):):):):). Non so perché, ogni volta che dico una cazzata (mi riferisco alla dettagliata fantasia) mi viene da ridere. Mah!!!!!!

Buona lettura

GLI INTOCCABILI

Caro signor Presidente del Consiglio

Caro signor Presidente del Consiglio, la scure dei tagli sta cadendo inesorabile sugli italiani. Quello che mi domando è: “cadrà in maniera equa su tutte le categorie di lavoratori oppure, i soliti noti, manterranno il loro status?” Ovvero: “i sacrifici ed i prelievi dalle tasche degli italiani, andranno ad intaccare, in percentuale, chi guadagna di più, oppure ci sarà un generico taglio orizzontale per tutti?Parta dall'alto e non dal basso, signor Monti, parta dall’alto. Il caso contrario sarebbe un errore clamoroso e gravissimo, che potrebbe portare a pericolosi conflitti sociali. Ho paura di ciò, perché ogni giorno mi capita di confrontarmi con la gente. Dalle loro parole percepisco disperazione, paura, rabbia, quella rabbia che potrebbe portare a disordini, a piccoli focolai di ribellione, quella ribellione che può diventare pericolosa, molto pericolosa.Il nostro Paese non ha bisogno né di guerre, né di eroi. Di problemi ne abbiamo avuti e ne abbiamo anche troppi, ci bastano. Il resto ce lo vorremmo risparmiare.

Lettera di Gianni Palagonia

Cari amici e fans, la lettera che segue è solo una delle tante cose che mi diverto a scrivere. Lo faccio per tenermi in allenamento, considerando che dopo i gravi problemi di salute che mi hanno colpito, non posso stare molto davanti al computer, né concentrarmi troppo sulla scrittura ed altre piccole problematiche che, sono certo, supererò brillantemente, anche se ci vorrà del tempo. Però, leggendola, vedrete che vi sembrerà vera! :):):):):). L’Eccellenza a cui mi rivolgo, nella mia fantasia, è comunque un amico che esiste nella realtà, quindi, ispirandomi a lui, nella finta lettera che gli scrivo, vado dritto al sodo senza troppi preamboli né adulazioni. Ripeto, solo una lettera per tenere in allenamento il poliziotto/scrittore, quindi ogni riferimento a cose, fatti e persone esistenti è puramente casuale.

Il Governo che poteva nascere

Presidenti del Consiglio: Falcone e Borsellino

Sottosegretari di Stato alla Presidenza del Consiglio

Giovanni De Simone (Informazione, comunicazione ed editoria)

Anna De Simone (CIPE) –

Angela Fresu         (Famiglia, Droga, Servizio civile)

Giacomo Guerino (Programma di Governo)

Luca Mauri          (Pubblica amministrazione e innovazione)

Asta Giuseppe (rapporti con il Parlamento)

Giuseppe Di Matteo       (Sport)

Asta Salvatore  (Semplificazione normativa)

 

Per chi preferisce leggermi in inglese - un piccolo assaggio

SILENCE: The Story of an Anti-Mafia Cop

Senza soddi non si canta missa*

(Without money Mass won’t be sung)

or

Money talks

* Translator’s note: This inscription, as well as much of the dialogue in these chapters, is in the Sicilian dialect.

Prologue

There are no more killings in Sicily, and this is the most serious sign, the gauge by which we know that things are going well for the Mafia. There are no killings, and everyone thinks that after some outstanding arrests the Mafia has been defeated. But here even children know that when there’s too much silence it’s because business is thriving.

By now the crews have learned their lesson, they know that your best friend can become your executioner and so they’ve changed their strategy. They work in watertight compartments: if someone “repents” and turns state’s evidence, he can get five people arrested, not a hundred like at one time. It’s a reticular, post-hierarchic model.

LIBRI DI GIANNI PALAGONIA

Ultimi Commenti

  • 18.11.2016 18:53
    Il mafioso é semplicemente un lurido delinquente che a causa di uno Stato protettore ed anch'esso ...

    Leggi tutto...

     
  • 15.11.2016 21:33
    Cari amici e fans, grazie per il vostro sostegno che manifestate più su facebook che sul mio sito.

    Leggi tutto...

Login Form

Storico Articoli

Powered by mod LCA