Blog

La scorta ; due pesi, due misure

 

Il pericolo e le minacce ci sono state o no?.  Saviano è diventato un icona per molti e questo è un bene se serve quale mezzo disturbatore delle mafie. Ben venga chiunque ad affiancare, con la sua immagine, le forze dell'ordine nella lotta alle mafie. Non so quali minacce ha avuto Saviano ( se le ha avute è giusto che venga difeso e tutelato), ma so bene quali sono state le mie. Minacce  che non sono nate a seguito di quello che ho scritto nei miei libri, ma quale conseguenza dell’arresto materiale di boss e gregari della mafia. La scorta non l'ho mai avuta e nessuno ha mai pensato di assegnarmela. Fino ad oggi mi sono auto tutelato e devo sempre sperare che nessun coglione chiamato boss, un bel giorno decida di togliersi il sassolino dalla scarpa decidendo di venirmi a cercare.  La mia colpa è quella di non avere avuto titoli sui telegiornali e di non essere un famoso personaggio pubblico? Purtroppo in Italia, a pari condizioni di pericolo della vita, c'è chi può morire e chi deve essere tutelato (è un esempio in senso lato, nessun riferimento a Saviano, ci mancherebbe altro). Spesso la scorta (al di là dei numerosissimi casi di status symbol ) viene stabilita per la forte pressione mediatica su quel personaggio o semplicemente perché è una persona potente, ancor più se è un politico, più che per una esigenza vera,  nient'altro. E se pure venisse accertato che qualcuno la scorta non la deve avere gli si da lo stesso, se l'attenzione su quel personaggio, da parte dei mass media, è forte. Il povero Prof. Marco Biagi secondo voi la doveva avere la scorta o no! Io lo so, certo che doveva averla. La cosa pazzesca e vergognosa è che il Ministro che gliel’ha fatta togliere, cammina scortato, dopo tutti i casini fatti in Italia e le inchieste che lo vedono coinvolto. Due pesi e due misure, figli e figliastri, questo è la Repubblica delle banane e delle puttane. Dopo la vicenda Biagi ognuno vuole pararsi il sedere. Nel dubbio è meglio darla una scorta, non si sa mai, a giocarsi la carriera ci vuole un attimo. E si, la carriera. Quella determina chi deve vivere e chi deve morire. E se gli uomini vengono distolti dalle loro funzioni di controllo del territorio, per tutelare chi non ha motivo di essere tutelato, qual'è il problema, chi se ne accorge in questo marasma generale. Concludo dicendo. Com'è possibile che una Persona come Pisani, che la carriera certamente non se la vuole giocare, ha detto quelle cose?

LIBRI DI GIANNI PALAGONIA

Ultimi Commenti

  • 18.11.2016 18:53
    Il mafioso é semplicemente un lurido delinquente che a causa di uno Stato protettore ed anch'esso ...

    Leggi tutto...

     
  • 15.11.2016 21:33
    Cari amici e fans, grazie per il vostro sostegno che manifestate più su facebook che sul mio sito.

    Leggi tutto...

Login Form

Storico Articoli

Powered by mod LCA